Sembra Lombardo ma è lumbard…

«Via da tutte le poltrone romane», tuonava il segretario federale della Lega Nord Roberto Maroni durante il congresso di Assago, lo scorso primo di luglio. Ma la scorsa notte durante la seduta di commissione bilancio al Senato – che si occupava proprio di spending review e tagli alla pubblica amministrazione – qualcuno deve essersi dimenticato delle parole di Bobo. Perché con un emendamento firmato dai senatori leghisti Massimo Garavaglia e Gianvittore Vaccari, il senatore Giuseppe Leoni potrebbe occupare per un altro anno la poltrona di commissario dell’Aero Club: è lì dal 2002.

La questione non solo cozza con l’incompatibilità tra il ruolo di onorevole e quello di gestore di un ente pubblico, ma promette di scatenare nuove polemiche dopo i casi di «assunzione senza concorsi», «spese azzardate», «iscritti che non sono iscritti» o «contenziosi  con l’agenzia delle entrate» che hanno contraddistinto il «Club» in questi anni: celebre quando in occasione del «Galà del Volo» fu regalato un orologio da 3.700 euro all’attore di fiction Luca Ward per avere presenziato alla cena. Non a caso sugli sprechi di Leoni in Aero Club indagano le corti dei conti di  Bologna e Firenze e persino le procure di Vicenza e Roma


La proroga è stata così giustificata dagli esponenti leghisti: «Il commissario straordinario adegui lo statuto ai principi in materia sportiva nonchè ai principi desumibili dallo statuto del Coni. Per tale obiettivo l’incarico di commissario straordinario è prorogato con poteri di amministrazione ordinaria e straordianria sino alla data di insediamento degli organi ordinari dell’Ente e, comunque, per un periodo non supoeriore a un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge». Di fatto quindi, Leoni si ‘autoproroga’ commissario per un anno, anche perché la stessa proposta di modifica che è già stata depositata a palazzo Madama sul decreto spendin reviw, porta invece la firma dello stesso senatore Leoni. Interpellato da Linkiesta, il senatore non ha voluto spiegare le sue ragioni.

Nella sostanza, però, Leoni rischia di essere uno dei più longevi presidenti di enti pubblici della storia della Repubblica Italiana. L’Aero Club, ente che riunisce tutte le Associazioni e gli Enti che promuovono il volo in tutti i suoi aspetti, è infatti guidato ininterrottamente dal senatore leghista dal 2002. È stato commissario, poi presidente, poi ancora commissario, prorogato appena tre mesi fa. Tra le perle della sua gestione, gli aerei che furono ribbattezzati con i nomi di esponenti leghisti: I-Rmar (in nome di Maroni), I-Cald ( Calderoli), l’I-Gtr ( Giulio Tremonti), compreso un I-Noel ( Leoni al contrario). Il ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera, rispondendo un’interrogazione parlamentare in merito, ha risposto che la proroga di aprile era dovuta alla complessità della normativa.

Enzo Raisi di Futuro e Libertà, tra i tanti che ha chiesto chiarimenti in aula scrive in un comunicato: «Apprendo che ilSenatore Leoni, in barba a tutte le interrogazioni parlamentari fatte dal sottoscritto e da esponenti di altri partiti, con un emendamento alla spending review, approvato con la complicita’ della maggioranza, si e’ fatto prorogare per un altro anno alla carica di Commissario straordinario dell’Aero Club d’Italia – scrive in una nota -. Chiederemo alla Camera e al governo di porre rimedio a questo scandalo che va oltre ogni buon senso”. Oltre al fatto che questo dovrebbe essere un provvedimento che taglia la spesa – aggiunge -, la cosa paradossale e’ che il Senato non ha rispettato il principio di ineleggibilita’ di un parlamentare in un ente a controllo ministeriale: si tratta di una anomalia che cercheremo di correggere in ogni modo».

La cosa particolare è che Leoni è sempre stato un esponente di spicco del cerchio magico di Umberto Bossi, che ha sfidato Maroni fino al congresso di Assago. I due litigarono pure indirettamente sui giornali, quando Leoni disse che il Senatùr si sarebbe candidato all’ultimo momento. Ora vanno d’amore e d’accordo?

Info newaeci
appassionati di volo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: