Una storia triste!!!

Cari amici,

non pensavo di trovarmi certo nelle condizioni di dovermi difendere da accuse infamanti che offendono il mio onore.

Chi mi conosce sa bene come il mio animo sia lontano dai giochi di palazzo. Sono 25 anni che calco le aule parlamentari e posso vantare l’amicizia ed il rispetto di tanti, tanti onorevoli colleghi senza distinzione di colore. Nel lontano 1984 ho costituito un partito per lottare contro lo spreco del denaro pubblico. In trent’anni di intensa attività politica, ho sempre preferito rimanere in disparte dai clamori dei mass-media perché  reputo una condotta diversa un inutile presenzialismo, mentre, invece, ritengo che ciò che conti sia stare accanto alle persone, sentire le loro esigenze, adoperarsi per aiutare chi ha bisogno. Il motivo per il quale ho sempre rifiutato di ricoprire incarichi istituzionali sta nel profondo disinteresse che nutro verso il potere’ Quel potere per il quale in questo nostro Paese tanti sarebbero disposti a scendere a compromessi con il proprio peggiore nemico, a rinnegare i propri ideali … a gettare fango sugli innocenti. Gettare fango come hanno fatto e stanno facendo i presidenti delle associazioni private, denominate federazioni sportive aeronautiche, con la complicità di altri personaggi. Non hanno accettato il loro venir meno, nell’emanando Statuto, dalla struttura federale AeCl, come disposto dal CONI. Avrebbero potuto portare avanti la loro battaglia in modo civile, leale… invece hanno preferito tentare la strada della denigrazione ad ogni costo. Servendosi di “informatori” all’interno dell’Ente, hanno trafugato delibere, carte di ufficio, ne hanno travisato il contenuto, hanno strumentalizzato notizie e quant’altro per porre in essere una demonizzazione della mia figura, dei miei più stretti collaboratori, dell’intero Aero Club d’Italia e di tutto ciò esso rappresenta. Sono arrivato in AeCl alla fine del 2002 e da quel giorno mi sono prodigato ogni attimo per far conoscere questo nostro mondo di nicchia a tutti coloro che occupano cariche istituzionali. Mai nessun Ministro era venuto in AeCI, mai nessun Presidente del CONI era venuto in AeCl, mai nessun sottosegretario, parlamentare, Presidente ENAC , Presidente ENAV, presidente FAl, mai nessun presidente di commissione Trasporti e potrei continuare perchè la lista è assai lunga. Ho cercato di fare, di lavorare onestamente per il bene comune. Delle cose sí sarebbero potuto fare meglio non lo nego perchè tutto è perfettibile … solo chi “fa” può sbagliare, ma mai avrei pensato di trovarmi addosso così tanto fango per una presunta mal gestione del denaro pubblico. Per aumentare i soldi per I’attività istituzionale ho rinunciato a quasi 200.000 euro I’anno, ho tolto le tre auto blu di servizio con altrettanti autisti, ho ridotto il personale non rimpiazzando le unità cessate dal servizio per raggiunti limiti di età, ho promosso misure gestionali finalizzate alla minimizzazione delle spese correnti; ho sensibilizzato, e con successo, il CONI affinchè aumentasse il contributo da erogare in favore dell’AeCl (passato da € 1.133.000 ad € 1-.649.000), così come il Ministero dei Trasporti che ha finito con il destinare all’Ente il maggiore contributo di circa € 240.000,00; ho snellito le procedure burocratiche dell’Ente, informatizzando i processi e rendendo così possibile l’evasione delle pratiche, in particolare quelle del VDS, quasi in tempo reale. Gli eventuali maggior tempi di evasione sono sempre oramai dovuti a richieste di regolarizzazione da parte degli uffici; ho raddoppiato le risorse destinate all’attività agonistica e quasi triplicato le risorse destinate ai trasferimenti in favore degli Aero Club Federati ripristinando, tra l’altro, il contributo per il rilascio di licenze ed attestati aeronautici a favore dei giovani piloti ed il contributo per le “infrastrutture” ed introducendo una nuova forma di sostegno agli Aero Club Federati per l’attività svolta nelle varie specialità aeronautiche; ho adottato, in coerenza con uno dei maggiori fini istituzionali dell’Aero Club d’Italia, iniziative tese ad una maggiore diffusione della cultura aeronautica, soprattutto tra i giovani, realizzando, tra l’altro, stage di familiarizzazione al volo, nonché Convegni di divulgazione presso Università dislocate su tutto il territorio nazionale; ho realizzato una struttura preposta alla “Sicurezza del Volo” a prevenzione dei troppi incidenti che nefastano il nostro mondo; ho cercato di sensibilizzare ENAC sulle note problematiche che affliggono il volo; ho presentano un disegno di legge per dare maggiore sviluppo all’ Aviazione Generale; ho modificato il regolamento VDS DpR 404/88 con il nuovo DPR 133/2010 che ha innovato il mondo del VDS; ho determinato lo sblocco delle risorse del piano Rinnovo Flotta, dopo anni di stasi, che ha consentito di rinnovare la flotta degli Aero Club oramai obsoleta dando agli AeC Federati che non hanno usufruito dell’assegnazione dei nuovi velivoli, un contributo, complessivamente pari a circa € 500.000,00 finalizzato all’acquisto di aeromobili; ho sensibilizzato diverse ditte di interesse aeronautico per la concessione di sconti su acquisti in favore degli AeC Federati; ho rinsaldato i rapporti con l’Aeronautica Militare addivenendo ad un importante protocollo d’intesa per la realizzazione di iniziative aviatorie; ho promosso azioni efficaci che hanno comportato in sede di emanazione del Decreto “Salva Italia” l’esenzione da imposizione degli aeromobili di proprietà ed in esercenza degli Aero Club Federati ed ho successivamente presentato proposta di modifica tesa a contenere fortemente l’effetto dell’imposizione fiscale sugli aeromobili privati assoggettati, che è attualmente in fase di approvazione. Dal mio arrivo in AeCl ho cercato di applicane nel nostro Ente tutti quei principi per i quali ho lottato e lotto da più di trent’anni. E l’assurdo è che vengo infangato con mere menzogne trafugate con l’inganno e con la complicità di persone squallide e mentecatte. Invito tutti coloro che vogliono sapere la verità di venire in sede dove gli uffici saranno pronti a dare tutte le spiegazioni del caso con i documenti in mano. Per sapere la verità signori miei… quella vera, non quella sporca perchè carpita con l’inganno e con l’avidità Di chi non vuole perdere il proprio potere piccolo e basso … Piccolo e basso di fronte allo spessore di cento anni di storia e di passione per il volo, di fronte ad un mondo nobile come quello dell’Aero Club d’Italia … un mondo che vogliono distruggere, un mondo che ha visto gentiluomini solcare le porte di questa dimora e dei cieli, principi, ufficiali, piloti di ogni estrazione sociale, gente che andava a testa alta perchè osservante del codice d’onore, quello che si eleva nel cielo più alto, quello dell’onestà, della lealtà, del coraggio delle proprie idee, dei pionieri del volo che non sporcano le mani nei biechi giochi di potere, ma che hanno lasciato un segno nella storia dell’Aero Club d’Italia. Persone che a testa alta rincorrevano il sogno di Icaro, il sogno di tanti uomini per i quali I’unica meta era sollevarsi e librarsi nel cielo e non rubare, mentire, calunniare, denigrare per il potere del palazzo.  Che tristezza amici miei. Si è perso il senso della vita, della nostra vita di aviatori che con fierezza guardiamo al presente sognando il futuro.

Ecco quello che io sognavo e sogno tuttora, un grande Aero Club d’Italia, dei grandi aero club, dei grandi  piloti, dei grandi uomini che nessuno potrà mai distruggere…

Info newaeci
appassionati di volo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: