Anche l’ Italia dei Valori si accorge di Leoni

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-14909
presentata da
ANTONIO BORGHESI
mercoledì 15 febbraio 2012, seduta n.586

BORGHESI. –
Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.
– Per sapere – premesso che:

l’Aero Club d’Italia è un ente pubblico non economico finanziato con contributi del CONI e dei Ministeri vigilanti e con l’imposizione di tariffe a carico di titolari di attestati e proprietari di apparecchi per il volo da diporto sportivo, quote a carico di affiliati e altri utenti dell’ente;

nello stesso ente l’attività di segreteria-reception risulta affidata ad una società a responsabilità limitata; questa attività, ad avviso dell’interrogante, non si può configurare come una prestazione di servizi, ma come una vera e propria somministrazione di lavoro; andrebbe pertanto verificato, secondo l’interrogante, se la predetta società possieda le autorizzazioni richieste per le attività di cui all’articolo 4 (agenzie per il lavoro) del decreto legislativo n. 276 del 2003; oltretutto, sembrerebbe che la stessa società svolga anche compiti nel settore del protocollo, che, ai sensi dell’articolo 61 del decreto legislativo n. 445 del 2000, sono riservati a dipendenti dell’ente; la situazione determinatasi appare, altresì, in contrasto con l’articolo 36, commi 1 e 2, del decreto legislativo n. 165 del 2001, che prevede per esigenze di lavoro ordinarie, come per il servizio del protocollo, che le amministrazioni si avvalgano di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, riservando le tipologie di lavoro flessibile ad esigenze temporanee ed eccezionali;

si sono concluse celebrazioni centenario, per le quali è già stata presentata interrogazione parlamentare n. 4-13901 del 12 novembre 2011;

con riferimento a tali celebrazioni non sono risultati in regola i documenti presentati al dipartimento pubblici spettacoli del comune di Roma, tanto che l’autorizzazione a suo tempo emessa e subordinata ad alcuni adempimenti, tra cui collaudi statici del palco e altre strutture, conformità impianti elettrici e servizio antincendio, sarebbe stata revocata;

con delibera commissariale del 17 giugno 2004, l’Aero Club d’Italia ha dato incarico di redazione del regolamento di contabilità e bilancio, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 97 del 2003 stabilendo un compenso di euro 50.000,00 per il professionista incaricato della stessa, e il compenso già elevato in sé, all’interrogante non appare giustificato, non solo perché fra i dipendenti dell’ente erano presenti le professionalità necessarie per la stesura del regolamento, trattandosi di competenze amministrative, e quindi sarebbe violato l’articolo 7, comma 6 del decreto legislativo n. 165 del 2001, ma anche perché lo stesso sembra pressoché identico al decreto del Presidente della Repubblica citato, e non tale da giustificare tale spesa esorbitante -:

se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti sopra riportati;

se si intendano assumere iniziative ispettive in ordine alle eventuali violazioni della disciplina sulla somministrazione di lavoro, svolta da una società che sarebbe priva dei requisiti a partire dall’aprile 2011, in contrasto con le norme sull’utilizzo di lavoro flessibile nelle pubbliche amministrazioni ex articolo 36 decreto legislativo n. 165 del 2001, come modificato con il decreto legislativo n. 150 del 2009, e sulla tenuta del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche ex articolo 61 del decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000;

quali iniziative si intendano intraprendere in relazione ad eventuali violazioni alla normativa sul contenimento dei costi pubblici di cui al decreto-legge n. 78 del 2010 e sull’organizzazione dei pubblici spettacoli, per quanto riguarda l’organizzazione delle celebrazioni del centenario dell’Aero Club d’Italia;

per quali ragioni l’Aero Club d’Italia vigilato, tra gli altri, dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, abbia deciso di conferire incarico a professionista esterno per la redazione del regolamento di contabilità e bilancio, in presenza di professionalità adeguate all’interno, trattandosi di competenze amministrative, in contrasto, a giudizio dell’interrogante, con l’articolo 7, comma 6 del decreto legislativo n. 165 del 2001, e se sia stata operata selezione per la scelta dell’incaricato, e quali siano stati i criteri per la definizione del compenso, se esso sia commisurato all’impegno e al tempo che si è reso necessario per la definizione del regolamento, e quali siano le ragioni per cui tale regolamento sarebbe pressoché identico al decreto del Presidente della Repubblica n. 97 del 2003, che costituisce la normativa di riferimento. (4-14909)

Info newaeci
appassionati di volo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: