Altra tegola

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro degli affari regionali, turismo e sport – per sapere, premesso che:
– l’Aero Club d’Italia è amministrato da un Commissario Straordinario;

– l’Aero Club d’Italia è un Ente pubblico non economico finanziato con contributi del CONI e dei Ministeri Vigilanti e con l’imposizione di tariffe a carico di titolari di attestati e proprietari di apparecchi per il volo da diporto sportivo, quote a carico di affiliati e altri utenti dell’Ente,

– l’Aero Club d’Italia rappresenta, ai fini sportivi, la Nazione italiana presso la F.A.I. (Federazione Aeronautica Internazionale) con sede a Losanna (Svizzera);

– ai fini dell’adesione alla F.A.I., l’Aeroclub d’Italia sottoscrive una quota annuale di adesione, detta “fee”, ai sensi dell’art. 7.2 dello Statuto della F.A.I. medesima;

– la quota annuale di adesione alla F.A.I. è stabilita, per fasce dette “Classi”, in proporzione al numero dei praticanti attivi iscritti all’Aeroclub nazionale di ciascun paese membro;

– ciascun paese membro comunica annualmente alla F.A.I. il numero dei praticanti attivi iscritti, al fine dell’appartenenza ad una determinata “Classe” e del pagamento della quota annuale di adesione;

– la Corte dei Conti ha esplicitato, con Determinazione n.43/2011 resa nell’adunanza del 20 maggio 2011, che il numero dei soci attivi iscritti all’Aero Club d’Italia, nel triennio 2007-2009, è risultato variabile dai 10.298 soci dell’esercizio 2007 ai 10.764 soci del 2009. Tale fatto è confermato altresì dai dati ricavabili dal bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012, adottata con delibera del Commissario Straordinario n. 293 del 18/10/2011. L’Aero Club d’Italia dovrebbe pertanto appartenere alla Classe F.A.I. 5, ovvero al raggruppamento di nazioni che annoverano un numero variabile compreso tra i 10’000 e i 15’000 soci attivi. Il costo di quota di iscrizione annuale dovuto dall’Aero Club d’Italia alla F.A.I. dovrebbe pertanto ammontare a CHF 18.000,00, pari ad € 14.652,00. Con Atto Dispositivo n. 48 del 09/02/2011, integrato con ulteriore Atto Dispositivo n. 445 del 10.08.2011, l’Aero Club d’Italia ha versato alla F.A.I. la somma di CHF 95.000,00 (pari ad € 73.515,60), per sottoscrizione della quota annuale di iscrizione per l’anno 2011 nella Classe 1 F.A.I.. La Classe 1 F.A.I. è riferita alle nazioni che annoverano oltre 200.000 membri attivi iscritti e, sino all’anno 2010, contava solamente gli Stati Uniti d’America, mentre l’AeCi conta solamente meno di 11’000 soci attivi: )

per quale ragione l’Aero Club d’Italia abbia provveduto a versare la quota di € 73.515,60 alla Federazione Aeronautica Internazionale, anziché la quota di spettanza di € 14.652,00, dichiarando di annoverare un numero di praticanti attivi superiore a 200.000 unità, anziché quello di 11.000 unità certificate nella Determinazione della Corte dei Conti ed evincibili dal bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2012 dello stesso Aero Club d’Italia.

RAISI

Info newaeci
appassionati di volo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: