Interrogazione parlamentare su Leoni

Presentata dall’onorevole Maria Antonietta Farina Coscioni (PD)

– “Al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. – Per sapere – premesso che:

alcuni monoplani acquistati nel 2010 dall’Aero Club d’Italia grazie ad un finanziamento ministeriale per poi essere girati agli aero club italiani, sono stati battezzati con le sigle I-Umbe; I-Rmar; I-Cald; I-Gitr; I-Noel;

dette sigle sarebbero un omaggio tributario rispettivamente al ministro Umberto Bossi, al ministro Roberto Maroni, al ministro Roberto Calderoli, al ministro Giulio Tremonti, al presidente dell’Aero Club d’Italia, senatore Giuseppe Leoni;

lo stesso senatore Leoni, per spiegare le ragioni di tali ‘Omaggi’ avrebbe sostenuto: ‘Abbiamo usato i nomi di quelli che i soldi ce li hanno dati. Se ci sono piloti a cui non va bene, che vadano su altri aerei’;

a giugno sono scaduti i sei mesi previsti per il commissariamento dell’ente sopra citato, durante i quali doveva essere redatto un nuovo statuto ed eletto un nuovo consiglio federale;

il consiglio non c’è, lo statuto è pronto da marzo, ma il presidente Leoni non l’ha ancora approvato;

il ministro avrebbe riconfermato per altri sei mesi alla presidenza il senatore Leoni, e questo nonostante sia stato chiesto attraverso una petizione on line sottoscritta da numerosi piloti, di non rinnovare l’incarico;

in risposta a tale petizione e alle proteste per la riconferma si sarebbe reagito con lettere di richiamo e punizioni;

il team captain della nazionale juniores di volo a vela Gianni Spreafico sarebbe stato esonerato dalla squadriglia azzurra degli alianti e l’esclusione sarebbe da mettere in relazione al fatto che Spreafico ha sottoscritto la sopra citata petizione on-line; il presidente Leoni avrebbe detto: ‘Se lui non si fida più di me, neanche io mi fido più di lui’;

il settimanale ‘L’Espresso’ del 2 agosto 2011 nel servizio del giornalista Riccardo Bianchi riferisce ‘Senza far saper niente a nessuno il presidente Leoni ha comunicato al Coni che le federazioni affiliate ai suoi aero club non svolgeranno più attività sportiva, ed il Coni le ha cancellate dal registro speciale. Poi ha modificato il regolamento, impedendo alle Federazioni di organizzare gare, riservandole ai soli aero club. Quindi ha alzato le tariffe per il primo anno da 500 a circa 4600 Euro. E ha costretto gli atleti a dotarsi di brevetto della Federazione aeronautica internazionale che costa circa 700-950 Euro all’anno, scoraggiando molte associazioni che vivono di volontariato. Non stiamo parlando di jet di lusso, ma di alianti, ultraleggeri e monoplani che costano meno di un’automobile’ -:

di quali elementi disponga il Governo in relazione a quanto esposto in premessa;

a quali ‘Soldi’ che sarebbero stati dati si riferisca il senatore Leoni; e specificamente quanti ‘Soldi’ avrebbero dato i ministri Bossi, Maroni, Calderoli, Tremonti, e rubricati in che modo; chi e perché abbia deciso di battezzare un monoplano con la sigla I-Noel, che in tutta evidenza sta per Leoni al contrario;

quali siano le ragioni che hanno indotto il ministro a riconfermare l’incarico di commissario dell’Aero Club d’Italia al senatore Leoni;

per quali ragioni siano stati adottati i provvedimenti di cui in premessa”. (4-13129)

Info newaeci
appassionati di volo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: